Diego Koi

Escrito por Maldito Insolente el . Publicado en Plástica

0
0
0
s2sdefault

Hoy os presento a Diego Koi, artista italiano que a sus recién cumplidos 25 años ya está despuntando en el arte italiano, gracias a su impresionante técnica hiperrealista que nos hace dudar si lo que realmente hace es un retrato o una auténtica fotografía, ya que usa un tratamiento mediante el lápiz que le hace utilizar tanto difuminado que nos es prácticamente imposible e imperceptible reconocer si lo que estamos presenciando es una foto, para muchos defensores de la creatividad sería una auténtica mofa al arte, pero para muchos otros es un auténtico reto.

Koi dice ser inspirado por los más grandes artistas japoneses del período Edo como Katsushika Hokusai. Koi es famoso por haber conseguido fascinar a los ojos de la gente con sus líneas precisas y técnicas orientales. Autodidacta, con el paso del tiempo, desarrolló su técnica, volviendo a descubrir la delicadeza y la belleza que cada matiz. Este artista dedica su tiempo casi al completo a dibujar retrato dándoles un gran sentido personal que se expresa en cada persona en particular, a través de líneas sensibles que lo rodean, dando lugar a formas compactas y elásticas, con el apoyo de las sombras y la imaginación confundiendo al espectador entre "lo real e irreal". Su enorme capacidad para reconocer los miles de matices de claroscuro provocan en el espectador una gran confusión, ya que son incapaces de percibir si lo que están observando es una fotografía o el verdadero trabajo de este artista hiperrealista.

Con el paso del tiempo, Koi se dedicó a la creación de rostros que parecen gritar su desesperación y la rabia de esta nuestra difícil sociedad, gracias a su talento y delicado cuidado que se refleja en cada uno de sus trabajos este jóven artista, ya ha conseguido importantes premios como el "Premio del Público Mejor Artista NonfermArti 2011" y "Premio de Pintura sección NonfermArti 2011" otorgado personalmente en la provincia de Cosenza en el evento de arte Nonfermarti 2011.

En marzo de 2012, entre aproximadamente 7000 participantes de todo el mundo, DiegoKoi consigue el Premio Internacional Arte Laguna de Venecia, con la obra "Juicio Final". En el mismo año ganó siendo finalista y se convierte en uno de los premios más prestigiosos de Italia, Milán o el Cairo con los Raptus.

Texto: Blog de pintura artística

Página oficial del autor: Diego Koi

Las obras de Diego Koi

48 imágenes
Todas las imágenes © Diego Koi

Diego Fazio, in arte DiegoKoi, nasce a Lamezia Terme nel 1989. Si affaccia al mondo dell’arte da autodidatta, maturando in brevissimo tempo una tecnica precisa e raffinata. Ha iniziato riproducendo la Carpakoi, varietà sviluppata nell’antica Cina poi introdotta in Giappone. La carpakoi nella cultura popolare giapponese è simbolo di amore e di amicizia. Una leggenda cinese invece narra di una carpa coraggiosa e perseverante che riuscì a risalire le cascate situate sul Dragon Gate superando ostacoli e spiriti malvagi. Gli dei impressionati da tanto coraggio la trasformarono in dragone divenendo così in breve tempo simbolo di chi aspirava a fare grandi cose e di chi non aveva paura ad affrontare le avversità. Il giovane artista è rimasto così affascinato da ciò che ha deciso di inserire la parola Koi nel suo nome trovando così lo stimolo e la forza di continuare su questa strada soffermando la sua attenzione sugli occhi e sullo sguardo delle persone.la sua arte, dapprima, si concentra sulla realizzazione di disegni per tatoo in stile giapponese . Con il passare del tempo, matura la sua tecnica, riscoprendo la delicatezza e la bellezza che ogni sfumatura puo' offrirgli, accantonando i tratti grossolani del tatuaggio e si concentra sull’iperrealismo. Si dedica alla realizzazione di disegni corporei attribuendo ad essi un grande senso personale che viene espresso all'interno di ogni singolo soggetto attraverso le linee assennate che si incalzano dando origine a figure compatte ed elastiche, sostenute da zone d'ombra e dall'immaginazione dell'artista che servono a rendere l'opera un misto tra reale e irreale. La capacita' di DiegoKoi di percepire le centinaia di tonalita' del chiaroscuro, induce l'artista a creare contrasti che sfiorano l'anima di colui che osserva le sue opere. Inizialmente si dedica all'elaborazione di tratti femminili delicati facendo emergere la psiche di tali donne attraverso i loro sguardi e dalle pieghe dei loro volti, lasciando che lo spettatore indaghi le silenziose emozioni che esprimono. In seguito, si dedica alla realizzazione di volti che sembrano urlare la disperazione e la rabbia di un' intera societa' odierna. In merito a questi elementi caratteristici della tecnica del giovane artista, DiegoKoi e' riuscito a farsi conoscere in molte zone del suo paese natale presentando le sue opere in alcune mostre ed esposizioni, ottenendo il riconoscimento come "Premio del pubblico miglior Artista NonfermArti 2011" e "Premio sezione pittura NonfermArti 2011" conferiti personalmente nella provincia di Cosenza in occasione dell'evento artistico Nonfermarti 2011. Nel Marzo 2012, tra circa 7000 partecipanti provenienti da tutto il mondo, DiegoKoi vince la selezione del Premio Internazionale Arte Laguna di Venezia con l'opera "Sentenza". Nello stesso anno vince la selezione e diventa finalista di uno dei premi più prestigiosi in Italia, ovvero il premio Cairo di Milano, con l'opera Raptus. L'inizio del 2013 coincide con l'esplosione mediatica dell'artista, vince il primo premio come artista emergente al contest internazionale Limen con l’opera “Luccicanza”. Il 25 Gennaio 2013 inaugura la sua prima mostra internazionale, intitolata “Sensazioni” (che prende nome dall’opera più famosa di DiegoKoi), a Singapore nella prestigiosa galleria internazionale Raffian ART (Singapore/Russia/Israele). Il 21 maggio 2013 partecipa al "Wonder Works" ad Hong Kong curato da "The cat street gallery" nello spazio The Space in Hollywood Road. In Giugno, partecipa ad un primo action painting a Milano, presso lo storico negozio di Crespi. In Agosto, tiene un action painting a Lucerna, in Svizzera. Successivamente, il 7 Novembre 2013 attraverso l'associazione "Sanando Heridas A.C." alcune opere di DiegoKoi sono state devolute ad un asta di beneficenza, per aiutare i bambini disagiati del Messico. Il 15 Novembre, invece, DiegoKoi partecipa personalmente ad un'altra asta di beneficenza, a corte del principe Alberto di Monaco e sua moglie Charlene di Monaco, per l'associazione "Monaa against autism", fondata proprio dalla principessa stessa, per aiutare i bambini colpiti dall'autismo. Il 30 Novembre 2013, è stata inaugurata la mostra di DiegoKoi presso la galleria italiana "Because Art Space", dove sono accorsi numerosi fans. Per inaugurare un nuovo anno di carriera artistica, l’11 gennaio si aprono le porte per una mostra collettiva a New York presso la rinomata galleria “Jonathan Levine Gallery”.

Escribir un comentario

Código de seguridad
Refescar

UK betting sites, view full information www.gbetting.co.uk bookamkers